Campo Visivo Computerizzato

-

Cos’è l’esame del campo visivo?

L’esame del campo visivo è una procedura diagnostica mirata a valutare la visione periferica dell’occhio. Utilizzando strumenti computerizzati, vengono presentati stimoli luminosi standardizzati per rilevare eventuali difetti nella visione.

Importanza dell’esame del campo visivo

Questo test è cruciale per la valutazione del glaucoma e può essere altrettanto utile nello studio di patologie della retina, del nervo ottico e del sistema nervoso centrale.

Procedura dell’esame

Durante l’esame, il paziente appoggia mento e fronte allo strumento, mentre l’occhio non esaminato viene occluso. Si fissa una mira centrale e si preme un pulsante ogni volta che si nota uno stimolo luminoso nello spazio circostante, senza spostare lo sguardo. È fondamentale rispondere con precisione e coerenza per ottenere risultati affidabili.

Frequenza e preparazione dell’esame

Secondo le Linee Guida della Società Europea per il Glaucoma (EGS), sono consigliati almeno due esami iniziali e successivamente tre esami ogni due anni, ma le frequenza dell’esame varia in base al rischio di progressione del danno e alla stabilità dei risultati. Ogni patologia comunque necessita di una sua specifica valutazione. Non è necessario essere a digiuno o dilatare le pupille per l’esame, ma è importante portare con sé gli occhiali correttivi e la documentazione oculistica precedente.

Conclusioni

In conclusione, l’esame del campo visivo rappresenta una procedura fondamentale per la diagnosi e il monitoraggio di varie condizioni oculari. La sua corretta esecuzione e frequenza sono cruciali per una gestione efficace della salute oculare.